[ La formazione per me ]

2 Dic

[ La formazione per me ]

-Se sei un uomo non leggere questo post-

Sono tornata ieri da Barcellona, in cui si è tenuto uno dei corsi più belli per gli imprenditori, in cui ho imparato tanto e, soprattutto, ho conosciuto delle persone meravigliose con cui ho condiviso idee, serate piacevoli ed obiettivi.

Tutto magnificamente bello.

Tutti vedono i miei spostamenti online e mi dicono:

  •  “Cavolo Laura, se i sempre in giro!”

Esatto, sono spesso in macchina, in treno o in aereo per lavoro.

Anche il mio staff non è da meno: 

a breve inizieremo un corso intensivo di Epilazione permanente in una location spettacolare, un full immersion di 40 ore, per offrire un servizio ancora migliore e soprattutto risultati concreti.

Quello che però si da per scontato è il sacrificio e la fatica che si facciamo per poter mancare anche solo pochi giorni da casa.

Quante estetiste conosci che si sbattono, che vanno a Napoli o all’estero, per formarsi?

Certamente da fuori sembra facile, ma ti assicuro che non lo è affatto.

Né per me, ne per il mio staff.

Per poter mancare tre giorni da casa ho dovuto mobilitare:

  • una babysitter
  • una nipote (grazie Ele!!)
  • mia mamma
  • una cugina (grazie Sabrina!!)
  • un amico che mi portasse in aeroporto alle due di notte.
  • Il mio staff 
  • Ovviamente mio marito ( <3)

Questo perché la vita quotidiana è piena di impegni che non possono fermarsi se manca la mamma: il calcio, la scuola, l’asilo nido, il dentista, i compiti, la spesa,..

A questo ultimo corso di Barcellona, una sola donna è salita sul palco a portare la sua testimonianza.

Poche donne in generale presenti in sala.

Perché?

Perchè è davvero dura poter mancare se hai figli piccoli e dedicarti al lavoro in modo diverso.

Per gli uomini invece è diverso.

  • “Amore devo andare ad un corso per tre giorni”
  • “Che bello, bravo.”

Stop.

Nessun pensiero, se non prenotarsi l’hotel e, per le donne più fortunate, l’autonomia nel prepararsi la valigia.

Per noi mamme invece no.

Lasciare il frigo pieno, possibilmente con qualcosa di già imbastito e facile da cucinare.

Controllare il diario di scuola, il materiale scolastico.

Comprare il Nurofen in farmacia: si sa che come arrivo al primo tornante scendendo, qualcuno chiamerà per avvisarmi che almeno uno dei due è ammalato.

Scrivere tutte le indicazioni al marito divise per giorni e per figlio: dove portare i bambini, a chi e fino a quando.

Ovviamente la dimenticanza c’è sempre.

Sta volta mi sono dimenticata di ricordare la Santa Messa della domenica che doveva animare proprio il gruppo di mio figlio.Che mamma di merda che sono, ho pensato.  Ha la comunione tra pochi mesi. Cercheremo di recuperare in qualche modo.

Questo è stato il mio primo corso lontano da casa senza la famiglia a seguito.

Erich è sempre venuto con me. SEMPRE.

Entrambi i miei bambini si sono fatti ore ed ore in auto fino in Slovenia. Erich al suo primo corso all’estero aveva tre settimane, ed abbiamo corso per fare la carta d’identità in tempo.

Christian ha conosciuto Frank Merenda, ed ha mangiato sul tavolo con imprenditori grandissimi ma di un’umiltà spaventosa.

Ma questo corso, essendo a Barcellona, diventava difficile la gestione della famiglia in una metropoli. Inoltre mio marito non poteva venire, quindi ecco perché sono andata da sola.

DA SOLA.

AMPLIAMENTE FUORI DALLA MIA ZONA DI CONFORT.

Ma ne è valsa la pena. Alla grande!!!

Venerdì scorso ho conosciuto due donne fortissime, due imprenditrici che lavorano in tutto il mondo. 

Dopo poche parole avevo già capito che sarebbero diventate le mie nuove mentori. Vorrei diventare come loro.

Angelica mi ha fatto riflettere, con una frase.

“Pensa Laura se le donne non avessero paura. Potrebbero fare il mondo.”

Vorrei tanto vedere più donne ai corsi: siamo brillanti, siamo più determinate.

Basta avere paura. 

Usciamo dalla zona di confort, un passo alla volta, e facciamo vedere al mondo intero quanto siamo cazzute.

E’ difficile, costa fatica, tanta fatica, e mandare giù rospi grossi come pugni.

Per non parlare delle persone che fanno di tutto per rallentarti, per sminuirti, o per farti sentire sempre di difetto per qualcosa.

La strada è in salita e difficile.

Io ho la fortuna di avere Alessandra come compagnia di questo viaggio, la mia gemella.

E di avere un marito che non solo capisce, ma mi sostiene e mi incoraggia.

A loro il mio grazie più grande

Forza donne.

Uniamoci e facciamo squadra: insieme potremmo raggiungere obiettivi che gli uomini non potrebbero neanche sognare.

Con stima

Laura Dallatina, titolare di Estetica L’aura e co fondatrice del metodo Lisce per Sempre.

www.liscepersempretrento.it

Rispondi