[ Il dottor Nowzaradan: Real time o vita vera? ]

28 Ott

[ Il dottor Nowzaradan: Real time o vita vera? ]

Se ti è mai capitato di guardare Real Time in qualche ora del giorno (o della notte), sicuramente ti sarai imbattuta almeno una volta nel programma “Vite al Limite”, in cui si narra di persone affette da obesità patologica grave a tal punto da comprometterne la vita stessa.

Le persone si divertono, ridono e scherzano guardando questo programma.

Io no.

Perché non è finzione. Non è un film inventato.

Sono storie vere, e non serve andare negli USA per trovare persone che soffrono di disturbi alimentari importanti.

Rimango veramente colpita, ed ogni volta mi chiedo come sia possibile.

Quanta sofferenza avranno nel cuore, tanto da doverla colmare con chili di cibo??

Molta, te lo assicuro.

Ricordo durante le mie gravidanze, all’ultimo mese quanta fatica facevo a fare scale, salite, o semplicemente a mettermi le scarpe.

Sinceramente, se per molte donne è il periodo più bello, per me invece non è stato così.

Ovviamente ero felice di portare una vita nel grembo, ma avendo molto lavoro e non potendo stare a casa sul divano, la mia forma fisica non mi permetteva di fare quello che dovevo ed ho fatto fatica, tanta fatica.

Così, ogni volta che vedo delle persone particolarmente obese mi chiedo:

“Chissà quanta fatica farà anche solo per fare le scale, per salire in auto, o fare la spesa.”

Io ricordo benissimo quella fatica, e pesavo meno di 80 chili.

Non oso immaginare per chi pesa 150, 200 chili, o di più.

Ok Laura, ma perché me lo dici?

Te lo dico perché, se hai un famigliare, un amico, o qualcuno a cui vuoi bene che soffre di patologie dei disturbi alimentari ci sono delle cose che potresti fare per lui.

  • Parlare, ma soprattutto ascoltare. Chi soffre di questa patologia spesso ha una situazione psicologica repressa, che deve tener a bada, appunto, con il cibo, o con la sua totale assenza. Ascoltare veramente od accompagnarlo da personale competente è sicuramente un aiuto concreto e valido. Incolparlo perché si è ridotto così è la peggior cosa che puoi fare.
  • Una passeggiata al giorno, per stimolare la circolazione, per respirare aria pulita e caricarsi di vitamina D ha sicuramente effetti benefici per tutti.
  • No a bibite gassate, fumo o alcool: ovviamente sono le prime abitudini da spronare ad eliminare.
  • Indirizzare un centro per poter aiutare questa persona. Vicino a noi ci sono due possibilità:
  1. A Rovereto nel centro Solatrix c’è un reparto dedicato https://www.cdcsolatrix.it/reparti-di-degenza/centro-cura-obesita-e-disturbi-del-comportamento-alimentare/
  2. A Padova  https://www.chirurgiaobesi.it/

NON FARE A FINTA DI NULLA: se gli vuoi bene, portalo e spronalo a fare qualcosa prima che il suo cuore ceda.

Il dottor Nowzaradan, di origini iraniane, è ormai famoso in tutto il mondo per salvare vite, vite spinte al limite dal grasso, dal peso e dal cibo.

Non è famoso per la sua simpatia ma erroneamente, a mio avviso, alcune sue frasi sono diventate celebri e meme di numerose sue immagini, e sono effettivamente molto divertenti, per chi ovviamente non soffre di queste patologie.

In realtà lui è molto severo e queste frasi le dice ai suoi pazienti proprio per spronarli e per far capire loro il reale problema di salute.

Noi ridiamo quando vediamo una vignetta con una delle sue frasi, ma in realtà devi sapere che sia gli obesi che gli anoressici non hanno una percezione di loro stessi, e men che meno di esser in pericolo di vita.

Una volta un medico mi disse:

“Sai Laura, gli anoressici dicono di mangiare molto e di tutto, gli obesi di mangiare poco e solo alimenti sani.”

Ovviamente non è così, ma il contrario.

Ah poi, c’è chi dà la colpa alla genetica.

Balle, scusa se te lo dico così.Le ossa grosse, per intenderci, NON esistono, e se pesi 34 chili, è perché non mangi.

La genetica è il solito capro espiatorio.

Ricorderò sempre quel momento al telegiornale, circa due anni fa, quando un neo papà obeso di oltre 150 chili ebbe un infarto e cadde sopra il neonato, uccidendolo.

Queste sono storie che non vorremmo mai sentire. Due vite interrotte, una famiglia distrutta.

Lancio un appello a chi soffre di questi disturbi: lasciati aiutare.

Te lo dico io, che non sono nessuno, ma che ho a cuore il benessere delle persone.

Laura Dallatina

Titolare di Estetica L’aura, co fondatrice del metodo Lisce per Sempre, via Zambaroni 5, 38012 Coredo di Predaia, TN. tel 3403942009.

Rispondi